nient'altro che un mazzo di carte*

patrizio pinna - nient'altro che un mazzo di carte - ebook
0,99
info
Nient’altro che un mazzo di carte (mobi)
Romanzo - 1800 kb
mobi - versione kindle
€0,99 (DRM free)
Acquista su Amazon ››
© 2014 - Patrizio Pinna
Tutti i diritti riservati

Nient’altro che un mazzo di carte (epub)
Romanzo - 406 kb
epub - versione kobo
€0,99 (DRM free)
Acquista su Kobobooks Store ››
© 2014 - Patrizio Pinna
Tutti i diritti riservati

Nient’altro che un mazzo di carte (pdf)
Romanzo - 200 pag.
pdf - (DRM free)
Download gratuito ››
© 2014 - Patrizio Pinna
Tutti i diritti riservati

Nient’altro che un mazzo di carte
Romanzo - 200 pag.
Brossura, copertina morbida
Al momento non disponibile
© 2014 - Patrizio Pinna
Tutti i diritti riservati
*
Il prezzo si riferisce alla versione digitale in vendita su Amazon e su Kobobooks. Edizione in brossura al momento non disponibile.
istruzioni per l’uso
Nessuna precauzione particolare.
Per una resa ottimale si consiglia di leggerlo con un sottofondo musicale adeguato.
I primi dischi di Bjork, possibilmente.
tutti
1
Aveva vissuto esattamente sedicimilanovantotto giorni, cioè la bellezza di cinquecentoventinove mesi, per un discreto totale di quarantaquattro anni e ieri sera, prima di andare a letto, proprio un attimo dopo essersi lavato i denti, gli successe una cosa strana. Per un attimo, ma solo per un attimo, si guardò allo specchio e non si riconobbe.
Fu davvero un istante, meno di un nano secondo confrontato con i suoi sedicimilanovantotto giorni, ma non per questo breve.
Non ebbe paura, né sentì il bisogno di rifletterci sopra granché. Da un certo punto di vista fu illuminante, confermò ciò che da qualche tempo sospettava, forse proprio da sedicimilanovantotto giorni. Sospettava di essere cattivo.
Intendiamoci, non che Paolo se ne andasse in giro a picchiare i bambini o molestare le vecchiette, non quel genere di cattiveria, d’altra parte era uno stimato professionista. Si trattava di una cattiveria più intellettuale, un po’ più fine forse, ma non meno pericolosa. Ma questo lo stava capendo soltanto allora.
Forse il fatto che il suo migliore amico stesse morendo contribuì in qualche modo, anche se a dire la verità tutti stavamo morendo.
Solo che a lui avevano persino detto quando.
morendo
3
«Cosa farai tutta la settimana da solo?» chiese lei da sotto la doccia.
Il vapore acqueo aveva già saturato il bagno e dalla porta socchiusa sembrava uscire del fumo, tanto che in un attimo Paolo non riuscì nemmeno più a intravederne le forme dentro al box doccia.
«Fumerò qualche spinello, mi rilasserò» mentì. «Sai, dopo tutti questi anni…»
«Dieci» urlò lei di rimando, «non aver paura a dirlo.»
«Dopo dieci anni ancora non ho capito una cosa.»
«Cosa?!» domandò interessata.
«Come diavolo fai a non ustionarti?»
«Ma vai, va… e io che credevo volessi dirmi qualcosa di serio. Piuttosto, davvero non ti spiace che parta?»
«Ma stai scherzando, hai concluso un anno fenomenale e il grande capo in persona, come al solito, ti reclama assieme a tutti i tuoi protetti per una settimana di sesso, droga e rock’n’roll.»
«Parla piano» disse quando uscì dalla doccia in una nuvola di vapore come in un concerto anni settanta, «quando spari queste cavolate. Il grande capo ascolta solo musica classica, e lo sai» rise.
«Allora vuoi proprio stuzzicarmi?» le afferrò il polso tirandola a letto ancora bagnata.
«Certo che voglio, per chi mi hai preso?» concluse lei mordendosi le labbra.
I suoi seni erano sodi come zaffiri.
persino
6
«Pensaci, sei la regina dei mercanti d’arte, hai scoperto e lanciato Giordano, rivalutato Sciutti, sei riuscita a strappare Parella alla concorrenza e rappresenti tutti i più grandi artisti del momento, anche se di artistico secondo me alcuni di loro hanno ben poco. Nel tuo lavoro sei uno squalo, lo sanno tutti nell’ambiente, ed è così che devono continuare a vederti: bellissima, irraggiungibile, determinata, fottutamente sicura di te e… sola. Al tuo fianco sarei la pennellata di troppo che distrugge il capolavoro. Quella gente crede che tu abbia una sola missione nella vita: portare la loro l’arte nel mondo, rappresentarli, venderli, fargli guadagnare cifre stratosferiche, ma non solo, non basta che tu li renda vergognosamente ricchi; loro si affidano a te per diventare immortali. Non puoi arrivare lì e sbattergli in faccia che hai una famiglia, un figlio, un marito addirittura: uno che nemmeno dipinge ma che si limita a sopravvivere insegnando matematica applicata in una semplice università statale. Non puoi permettergli di ammirare la tua vita. Per loro non ne dovresti nemmeno avere una. Sono loro la tua famiglia, è questo che pensano e che devono continuare a pensare. Specialmente adesso che il grande capo vorrà farti una proposta.» «Sei davvero convinto che mi voglia in società?»
«Certo, a meno che non sia un perfetto imbecille. I tuo artisti ti adorano e hai fatturato cifre astronomiche quest’anno. Se decidessi di metterti in proprio lui ci perderebbe un mare di soldi.»
«Ma se non riusciamo nemmeno a spendere tutto quello che guadagniamo.»
«Ehi, questo vedi di non fartelo scappare.»
«Non mi capirebbero, eh?»
«Non credo, no.»
stavamo
2
Chiara, sua moglie, quella mattina doveva alzarsi presto.
A dir la verità non era davvero sua moglie, era la sua compagna, ma questo contava poco. Anche Matteo, a dir la verità, non era suo figlio, ma anche questo, alla fine, non era poi così importante.
«Dormi, non ha senso che ti alzi anche tu così presto, sei in ferie» Chiara spense la sveglia.
«Ci mancherebbe» rispose tirandosi a sedere sul letto, «starete via tutta la settimana voglio salutarvi come si deve. Poi devo preparare la colazione al bambino.»
«Non te lo vorrei dire» commentò lei ridendo, stropicciandosi via il sonno dagli occhi, «ma il bambino ha quasi tredici anni.»
«Già» sorrise, «lui cresce in fretta e noi invecchiamo. Le proporzioni rimangono invariate.»
«Questo ragionamento non mi piace, ma non hai tutti i torti» lo baciò prima di andare in bagno.
Paolo si sdraiò di nuovo cercando calore nel suo lato. Dalla porta socchiusa la intravide sfilarsi la camicia da notte e infilarsi infreddolita sotto la doccia bollente. Non gli capitava tutti i giorni di poterla ammirare così, di solito la sua sveglia tagliava il traguardo un paio d’ore prima di quella della sua compagna, ma quando ci riusciva, ogni volta, non poteva fare a meno di pensare come diavolo avesse potuto fare, il suo ex marito, a farsi scappare una donna del genere. Anche se quella mattina quel pensiero lo intristì un poco.
solo che a lui
4
Dieci anni, erano passati la bellezza di dieci anni da quando si erano incontrati, ben tremilaseicentocinquantatré giorni, e ancora facevano l’amore come se si fossero appena conosciuti.
Di questo Paolo non avrebbe mai finito di stupirsi.
avevano
5
«Perché non vieni anche tu? sei in ferie e Matteo in settimana bianca, poteva essere un’occasione per tornare ad Amsterdam insieme dopo tutto questo tempo.»
«No, non è una buona idea, e lo sai. Sarai al cospetto del grande capo e dei tuoi protetti quasi ventiquattr’ore al giorno, berrai champagne e annuserai le migliori droghe» disse sottovoce, «assieme a quella massa di artisti, egocentrici, talentuosi, incapaci, onanisti, umanisti, liquefazionisti, arrivisti, pressapochisti e così via. Mi annoierei a morte e finirei per tuffarmi nell’alcol, al secondo giorno assomiglierei a uno di quei pittori, graffitari, pop-artisti, illusionisti che rappresenti. No, quello non è il mio ambiente, un matematico stonerebbe come un quattro nella sequenza di Fibonacci. Lederei la tua immagine persino, ne abbiamo già parlato.»
«Sì, e ogni volta non riesco a capire da dove possa esserti uscita questa teoria.»
detto
7
Paolo non accennò una parola sulla malattia del suo migliore amico, non c’era motivo perché lei lo venisse a sapere proprio in quel momento. Erano molto affezionati l’un l’altra, ma proprio per questo il dolore poteva aspettare. Senza contare che aveva persino promesso di non dirle nulla.
Non ancora perlomeno.
quando
8
Matteo doveva essersi già svegliato, lo sentirono trascinare il trolley verso l’ingresso, al piano inferiore.
«Datevi una mossa, e in fretta che il mondo sta per finire» urlò dalle scale citando uno dei suoi autori preferiti, «non voglio fare tardi come al solito.»
Certo che no, pensarono. Era da una settimana che non stava nella pelle, non vedeva l’ora di liberarsi di loro per un po’ e assaggiare finalmente un minimo di libertà.
«Ciao Pa’» lo salutò quando si affacciò in cucina.
Dopo tutti quegli anni Paolo non aveva ancora capito se gli si rivolgeva abbreviando il nome o se lo considerava davvero suo padre. Non glielo aveva mai chiesto. Lo interpretava in maniera differente a seconda dei momenti.
...